Carlos Amorales – immagini liquide

Ho incontrato Carlos Amorales nel 2010 durante un convegno presso l’Università di Roma la Sapienza, un’importante occasione per conoscere dalla voce dell’autore il modus operandi di questo giovane artista sudamericano.

In quei giorni era visitabile una sua mostra presso il Palazzo delle Esposizioni dal titolo Remix. Il termine visita però non rende giustizia alla sensazione che si prova di fronte all’opera di Amorales, in effetti dovremmo parlare di immersione.

I settecentocinquantuno frammenti di Drifting Star – schegge di perspex nero sospese al soffitto da impercettibili fili – avvolgono lo spettatore e lo incorporano nell’opera. Ma non finisce qui, lungo i muri scorre ininterrotto un sottile disegno a matita: Lo estudio por la ventana (Gettare lo studio dalla finestra). Basato su ricalchi di immagini vettoriali e realizzato con incredibile perizia tecnica dallo staff di aiutanti di Amorales, questa immensa cartografia atopica ritrae sovrapponendole figure umane, animali e oggetti stilizzati. Il tutto viene mixato a dovere restituendo un inaspettato ibrido, un grande organismo vivente.

Le immagini utilizzate per realizzare Lo estudio por la ventana fanno parte dell’Archivio Liquido, la raccolta che Amorales cura scrupolosamente dal 1998 e che contiene un campionario visivo di più di 3.000 sagome vettoriali di ogni genere: animali, figure umane, mezzi di trasporto, motivi astratti, gocce di sangue, elementi urbani e altro. L’archivio è implementabile da chiunque e aperto e disponibile a tutti.

Questa caratteristica di opera d’arte aperta arricchisce l’humus teorico di Amorales, che ricerca il contatto sul limite tra forma percepita e visione. Costruisce ed evidenzia lo spazio pur non praticando metodologie architettoniche. Crea volumi tramite la loro scomposizione.

Amorales può essere definito un artigiano dell’arte vettoriale che tramite la forma concettuale e i suoi continui rimandi ad una realtà più complessa, costruisce spazi intrapercettivi, abitabili dal corpo e dalla mente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>